Yemen, “The Walls Remember”. Gli stancil di Murad Subai per ricordare le sparizioni forzate (FOTO)

 

Yemen, “The Walls Remember”. Gli stancil di Murad Subai per ricordare le sparizioni forzate (FOTO)

L’Huffington Post  |  Di Pubblicato: 03/10/2012 17:55 Aggiornato: 03/10/2012 17:55

Yemen The Walls Remember Murad Subai

“The Walls Remember”. I muri devono ricordare le persone che sono scomparse in Yemen durante i disordini politici dell’anno scorso. L’artista Murad Subai, 24 enne yemenita, ha scelto di farlo con la streetart, ritraendo le loro facce con degli stancil.

“La società – dice alla Reuters – ha dimenticato le sparizioni forzate. Noi stiamo dipingendo le loro immagini sui muri, con le dida in inglese e in arabo, per ricordarli. Abbiamo scritto chi sono e da quando non si sono più visti. Non sappiamo se sono morti, se sono stati sepolti”.

Secondo Amnesty international in Yemen “continuano ad aver luogo violazioni dei diritti umani in un clima d’impunità, rafforzato anche dall’immunità garantita all’ex presidente Ali Abdullah Saleh e ai suoi collaboratori in cambio dell’abbandono del potere”.

La repressione, nel corso della quale si verificarono anche centinaia di arresti arbitrari e casi di sparizione, fu portata a termine da svariati servizi di sicurezza e militari ma anche da gruppi armati filogovernativi. Contemporaneamente, gli scontri armati tra esercito e oppositori armati, tra cui il gruppo Ansar al-Shari’a che si ritiene affiliato ad al-Qa’eda, hanno dato luogo a crimini di guerra.

“Tutti i giorni – dice Subai – i miei disegni vengono rimossi. Ogni volta stancil viene eliminato è come se quelle persone scomparissero di nuovo”..

Yemen, uno stancil per ricordare

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s